martedì 9 dicembre 2008

torino mon amour





è uscito tutto .
col sonno.


il riposo

concentrato,
spalmato come una cotognata
nel piumone.
caldo per ore
di ore su ore di fila.


volevo visitare mille cose,
ma la saggezza fisica ha avuto la meglio
e i porticati
slanciati
li ho percorsi ballando nel sogno.

e bene,
irreprensibilmente.
è meravigloso sentirsi lucidi e leggeri senza per forza aver provato dolore,
nell'idiozia becerocattolica che mi sono tenuta appiccicata come una scema.


e dipingere di notte è divino:
solo una coniugazione separa i verbi più così:
disegnare(scopare)
dipingere(sorridere)
dormire.


tanto domani sarò in metro,
ma più leggera.



grazie sere,fabio,marco..tutti



grazie ai soldi che non ho


ma per un cazzo

1 commento:

volperossa ha detto...

eheh